Venerdý 30 Settembre 2016
Campaniameteo - Versione dispositivi mobili
Campaniameteo.it
Campaniameteo.it
Campaniameteo.it
Campaniameteo.it
Campaniameteo.it
Campaniameteo.it
.:: Campaniameteo.it ::.
  CONTURSI TERME (SA): STAZIONE METEO E WEBCAM AD ALTA DEFINIZIONE    SALERNO, WEBCAM PER LE LUCI D'ARTISTA 2014    RAITO DI VIETRI SUL MARE (SA): NUOVA WEBCAM ALTA DEFINIZIONE    MARINA DI CAMEROTA, NUOVA WEBCAM SUL PORTO    SALERNO, NUOVA WEBCAM OFFERTA DA 'CASE VACANZE IL DUOMO'    ON LINE LA VERSIONE "MOBILE" DEL PORTALE CAMPANIAMETEO.IT PER SMARTPHONE    ON LINE LA WEBCAM SUL MONTE TERMINIO    VIETRI SUL MARE (Sa): WEBCAM AD ALTA DEFINIZIONE DALL'HOTEL VIETRI    SALERNO: NUOVAMENTE ON LINE LA WEBCAM VERSO LA COSTIERA AMALFITANA    MARINA DI EBOLI - CAMPOLONGO (Salerno): NUOVAMENTE ON LINE LA STAZIONE METEO, AFFIANCATA DALLA WEBCAM DAL GALATEA VILLAGE    NAPOLI, FUORIGROTTA: WEBCAM E METEO ALL'ISTITUTO "RIGHI"    MONTE FAITO (1100M): NUOVA STAZIONE DI RILEVAMENTO METEO    PROCIDA (NA): WEBCAM E STAZIONE METEO - BLUE DREAM SAILING CHARTER    Chitignano (Arezzo): webcam ad alta definizione    RECORD ASSOLUTO DI VISITATORI - IL 17 DICEMBRE 2010 IN 24 ORE IL NOSTRO SITO E' STATO VISITATO DA 21.892 UTENTI UNICI E HA AVUTO 1.564.658 DI ACCESSI.    SALERNO, WEBCAM PER LE "LUCI D'ARTISTA"     SALERNO, WEBCAM E METEO CON UV E RAD.SOLARE ALL'ISTITUTO NAUTICO    DUE NUOVE WEBCAM SUL LACENO - QUOTA 1400 METRI    VIETRI SUL MARE (SA) - E' ATTIVA UNA WEBCAM AD ALTISSIMA DEFINIZIONE    RAVELLO (SA) - E' ATTIVA LA WEBCAM DI VILLA RUFOLO - IN TEMPO REALE IMMAGINI AD ALTISSIMA DEFINIZIONE E DATI METEO    POPPI (Arezzo) - E' ON LINE LA PRIMA WEBCAM AD ALTA RISOLUZIONE    CAPRI, UNA WEBCAM AD ALTA RISOLUZIONE DALL'ISOLA DEL GOLFO DI NAPOLI    ISCHIA-CASAMICCIOLA: NUOVA STAZIONE METEO ON LINE    STAZIONE METEO E WEBCAM SUL MONTE RAIAMAGRA - LACENO QUOTA 1667 METRI. LA CENTRALINA ON LINE PIU' ALTA DELLA CAMPANIA    MARINA DI EBOLI-CAMPOLONGO: WEBCAM E METEO DAL GALATEA VILLAGE E SCUOLA WINDSURF    NUOVA WEBCAM AD ASCEA-VELIA PRESSO "MARE E MONTI"    NUOVA STAZIONE METEO DAVIS A SORRENTO - FRAZIONE PRIORA    DUE STAZIONI METEO DAVIS SULL'ISOLA DI PROCIDA.    NUOVA CENTRALINA METEO CON WEBCAM A AVELLINO    ATTENZIONE: ultimamente loschi individui contattano alcuni utenti di Campaniameteo divulgando notizie false sulla gestione del sito CLICCA QUI PER MAGGIORI INFO.    ATTIVA A META DI SORRENTO NUOVA STAZIONE METEO      
.:: Campaniameteo.it - SALERNO, MOSTRA"ROMA: SETTE TELE PER SETTE GIORNI" ::.

SALERNO, MOSTRA"ROMA: SETTE TELE PER SETTE GIORNI"
(Articolo letto 2416 volte)
Campaniameteo.it -

 

Il Catalogo
Presenta
GIOVANNI TESAURO
Roma: Sette tele per sette giorni

27 novembre – 4 dicembre 2010

Inaugurazione sabato 27 novembre ore 19
Apertura: tutti i giorni, escluso il lunedì: ore 10 -13  17,30-20
Info.: 089/232666

Una settimana a Roma con Giovanni Tesauro
Sabato 27 novembre, alle ore 19, l’inaugurazione presso la galleria Il Catalogo, della particolare personale dell’artista “Sette tele per sette giorni”, dedicata alla città eterna

 “Sette tele per sette giorni”, questo il tema della mostra che Lelio Schiavone e Antonio Adiletta dedicano a Giovanni Tesauro, giovane pittore salernitano il quale continua a sviluppare il suo filone preferito, quello del paesaggio urbano, proponendo sette vedute della città eterna, da cui ogni facile emotività è bandita e la cui rappresentazione si regge sull’espressione di un momento unico e irripetibile. “Forse non sono molto umano. Il mio desiderio era di dipingere la luce del sole riflessa sul muro di una casa”. Sulle tracce di Edward Hopper, il wanderer  che da sempre alberga nel suo intimo sentire, Giovanni Tesauro ci rende partecipi dello stupore e dell’innocenza della visione di Roma con la sua personale ospite della galleria Il Catalogo, che vivrà il suo vernissage sabato 27 novembre alle ore 19, per protrarsi sino al 4 dicembre 2010.

La città è un soggetto che ha sempre affascinato e ispirato l’immaginario degli artisti, almeno a partire dalle opere medievali, passando per la città ideale rinascimentale e le rappresentazioni realistiche ottocentesche, fino alla “città che sale” dei futuristi. La descrizione “oggettiva”, realistica della città, che ha avuto il suo momento culminante nell’arte e nella letteratura dell’Ottocento, si fonde spesso con la rappresentazione “soggettiva” di essa, fatta di ricordi, sensazioni e invenzione. Giovanni Tesauro ha scelto Roma, che cerca di cogliere con il suo sguardo interiore e ingigantire, particolari e dettagli che sfuggono alla quotidiana percezione, per rompere quell’incantesimo che, attraverso mappe, cartoline e pubblicità, fa oggi di ogni luogo lo stesso luogo, rendendo familiare e più o meno identico qualunque paesaggio urbano. I soggetti di questa pitture possono apparire all’osservatore come parti di un catalogo che, invece di mostrare caratteristiche meramente architettoniche o paesaggistiche, metta in luce la carica di possibilità percettive che emerge dall’essenza, dall’irrealtà isolata in cui sono colti.

Il lavoro del pittore si incentra sullo studio delle forme, dei punti di vista, delle prospettive e su un trattamento del colore che predilige l’accentuazione di tonalità piene, la delineazione di contrasti, l’utilizzo raro di sfumature in funzione alienante. Emerge da queste opere, prepotente, la pienezza fenomenica di una pittura che possiede grande energia e talvolta persino asprezza d’accenti timbrici, ma anche accordi tonali delicati e dolci, tenuti però con sobrietà nella gamma dei bruni e degli azzurri, spessori e intrighi materici tormentati con furia o accarezzati con morbida insistenza, e andamenti variamente mutevoli, attraverso un incedere ora spezzato e convulso, dove si sente la volontà di non cedere ai lenocini del mestiere, ora al contrario rapido, vigoroso e largo: reminiscenze, si potrebbe dire, dell’impeto essenziale che animava certe opere informali, come quelle di Schneider o di Moreni.

Questa nuova produzione di Giovanni Tesauro, è prodiga di suggestioni e di suggerimenti che le creano intorno un alone di risonanze emotive, non lontane dalla Wanderer Fantasie di schubertiana memoria: libertà di associazioni tonali, profonda unità formale, data dal ricorrere, attraverso tutti i suoi “movimenti” di un’unica cellula fondamentale che si amplifica fino a farsi elemento strutturante dell’ intera “composizione – esposizione”. Non deve sfuggire come la stessa oscillante trama di rimandi e di corrispondenze sia ancorata intorno ad alcuni nuclei figurali profondi, che s’intravedono nel groviglio delle pennellate e dei colpi di spatola, ma che una volta individuati si rivelano carichi di un’ eccezionale forza espressiva.

Sono geometrie d’azzurro e di nero, di rosso, grigio o arancione, graffiate e distese di scatto sulla superficie del quadro; grumi,  rimescolii vorticosi e turbolenze, frammenti di un mondo colto in certe sue essenziali qualità sensibili che nascono ancora dal desiderio elementare di riproporre il paesaggio in un modo meno esplicitamente dichiarato, declinato con  energia e drammaticità, automatismo e vigore esistenziale, esuberanza, fisicità, irruenza sentimentale. Non improvvisazione, dunque, ma consapevolezza di esprimere una riflessione intellettuale affidata ad una gestualità estremamente colta, che in sciami abbaglianti celebra la sintesi compiuta fra il colore e la forma, complementari nel processo operativo, tramite il quale Tesauro aspira ad approdare ad una pittura dove tutte le parti si integrano in uno sferico insieme musicale.

GIOVANNI TESAURO
Si laurea in Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze, città ove vive fino al 1995. Nel 1988 tiene la prima personale alla galleria Tatou di New York. Nel 1990 collabora con la Richard Ginori per la realizzazione di un mosaico nella città di Sesto Fiorentino. Del 1997 è la personale alla Ken’s Art Gallery  di Firenze, mentre del 1999 è l’invito alla Rassegna Terza Voce, allestita negli spazi della Fondazione Cini di Venezia. La personale alla Galleria 2M di Parma è del 2001, anno in cui parte il viaggio che segnerà la sua esperienza; percorre i territori canadesi da Vancouver fino all’Alaska. Nel 2004 è invitato alla Prima Biennale Giovani Artisti Campani, tenutasi a Napoli; l’anno seguente, la galleria Il Catalogo di Salerno, organizza una sua personale. Nel 2005 è invitato alla mostra Collezione Permanente Salerno 1970-2005 allestita al Fondo Regionale d’Arte Contemporanea di Baronissi, nel 2007 espone nella mostra Urgenza della Città, tenutasi presso i Grandi Magazzini Teatrali di Campobasso, mentre sue opere sono state esposte alla XIII Biennale d’Arte sacra. Nel 2008 è ancora al FRAC di Baronissi, con la personale “On The road” . Attualmente lavora con la galleria Il Catalogo di Salerno.