Giovedý 29 Settembre 2016
...per installare una stazione meteo o una webcam clicca qui
Campaniameteo.it
Basilicatameteo.it
Basilicatameteo.it
Basilicatameteo.it
Basilicatameteo.it
Basilicatameteo.it
.:: Basilicatameteo.it ::.
.:: Basilicatameteo.it - VAGLIO BASILICATA (Potenza): MOSTRA "LEONARDO, UN GENIO DEL TEMPO" (Dal 12 marzo al 1░ giugno 2010) ::.

VAGLIO BASILICATA (Potenza): MOSTRA "LEONARDO, UN GENIO DEL TEMPO" (Dal 12 marzo al 1░ giugno 2010)
(Articolo letto 2417 volte)

Museo delle Antiche Genti di Lucania
via dinu adamesteanu 1 - Vaglio Basilicata (Potenza)
Dal 12 marzo al 1° giugno 2010
Orari: lunedi - sabato 8.30-13.30 15.30 - 20.00 domenica 8.30 -13.30

Il Rinascimento Italiano ancora una volta fa tappa in Basilicata con una delle più interessanti espressioni artistiche del suo tempo, una mostra speciale che apre le porte ad una serie di opere di prestigiosa qualità: una tavola lignea ultimamente riscoperta ed attribuita a Giovanbattista del Verrocchio.


Un’occasione unica per poter apprendere le tecniche teorico-filosofiche di una scuola di pensiero che ha fortemente caratterizzato il tema della raffigurazione sacra in ambito religioso.

L’opera in presentazione s’inserisce in un contesto iconografico di straordinaria importanza al quale si riferiscono pitture celebri come la Sacra Famiglia di Andrea del Sarto, custodita nella Galleria Palatina di Firenze e quella elegante ed espressiva attribuita alla mano di Giorgio Vasari.

Nelle prossime settimane due importantissime ed inedite opere saranno presentate nell’ambito della mostra, due veri e propri capolavori attribuiti a maestri della scuola manieristica italiana. L’attesa per la presentazione di tali opere è necessaria per il completamento e la valutazione delle rispettive schede tecniche, affidate alle cure dei nostri storici dell’arte.

Il Museo delle Antiche Genti di Lucania aprirà, al grande pubblico contestualmente alla presentazione dell’inedito dipinto, con l’attesissima sezione dedicata alle macchine progettate da Leonardo.

Dai progetti ai disegni, dagli schizzi alle minute sino ad un viaggio nella mente del genio di Leonardo da Vinci, tutto nella più grande mostra permanente del sud Italia.

Ben settantacinque macchine fedelmente riprodotte dai disegni contenuti nei codici di Leonardo, ricostruite da prestigiosi ed abili artigiani coadiuvati da esperti ingegneri, rappresentano un repertorio impressionante delle invenzioni leonardesche: il carro armato, la bicicletta, i cuscinetti a sfera, la pianola, il guanto palmato e le notissime macchine volanti.

La mostra costituisce l’espressione di un ingegno estroverso che spazia in settori come quelli per la guerra con dispositivi meccanici d’ingegneria civile, una produzione dello studio di Leonardo del quale oggi restano oltre cinquemila pagine di appunti prodotti mediante la sua inconfondibile scrittura. Una mole documentaria ritenuta dagli storici come la più consistente di tutto il periodo rinascimentale, nonostante le note vicissitudini del tempo.

Saranno parte della mostra la riproduzione dei codici prodotti dal genio:

-Codice sul volo degli uccelli: Custodito nella Biblioteca Reale di Torino, riproduce gli studi sul volo degli uccelli analizzato attraverso i movimenti meccanici dell’ala del vento e delle correnti. Si compone di diciassette pagine databili intorno al 1505.
-Codice Trivulziano: Si compone di cinquantacinque carte e riguarda studi di architettura militare e religiosa, inseriti tra uno speculare percorso per migliorare la propria formazione letteraria. E datato tra il 1487 e il 1490.
-Codici Forster: Si conservano a Londra presso il Victoria and Albert Museum e si rappresentano in tre manoscritti che riguardano
approfonditamente studi di geometria, pesi e macchine idrauliche elaborati da Leonardo in diversi periodi dal 1493 al 1505.

Tale iniziativa nasce dalla collaborazione con la Fondazione Internazionale Anthropos guidata dal Dott. Modesto Veccia che da anni si occupa della promozione di mostre su Leonardo e il suo genio, con tappe che vanno da San Paolo (Brasile) a San Francisco (Usa) da Oporto (Portogallo) a Buenos Aires (Argentina).

Una sezione del Museo delle Antiche Genti è destinata alla rappresentazione di una parte degli studi scientifici effettuati sull’ultimo capolavoro ritrovato, oggi in attribuzione a Leonardo da Vinci. Una riproduzione inedita di quest’opera incorniciata da una serie di analisi sul volto del genio e sulla problematica legata alla ritrattistica leonardiana.

L’esposizione sarà ulteriormente incrementata da materiale oggi allo studio tecnico-scientifico e che sarà presentato nel corso dei prossimi appuntamenti.