Mercoledý 28 Settembre 2016
...per installare una stazione meteo o una webcam clicca qui
Campaniameteo.it
Basilicatameteo.it
Basilicatameteo.it
Basilicatameteo.it
Basilicatameteo.it
Basilicatameteo.it
.:: Basilicatameteo.it ::.
  
.:: Basilicatameteo.it - BANZI (Potenza): "LA VENUTA DI URBANO II" IL 18 E 19 AGOSTO 2010 ::.

BANZI (Potenza): "LA VENUTA DI URBANO II" IL 18 E 19 AGOSTO 2010
(Articolo letto 2417 volte)

 

Banzi (Potenza)
La Venuta di Urbano II - 18 e 19 agosto 2010

SANTA MARIA di BANZI, protocenobio benedettino in terra lucana, sorge sulle rovine dell’antica Bantia. Gli scavi archeologici rendono certa l’ipotesi che l’impianto medievale sia sorto proprio accanto al Foro della città romana.

Il primo documento scritto attestante l’esistenza del monastero è del 798: un atto di donazione con cui il principe longobardo Grimaldo III lo sottometteva a Montecassino. Ma è con l’arrivo della famiglia normanna degli Altavilla, nell’XI secolo, che l’ Abbazia viene ingrandita e ricostruita.

Papa Urbano II (1088-1099), che vuole incoraggiare la diffusione del rito latino con l’aiuto dell’ordine dei benedettini e limitare l’influenza del clero di rito greco, è in Santa Maria di Banzi nel 1089. Lo accompagnano 32 vescovi ed è accolto dai due potenti eredi di Roberto il Guiscardo: i principi Ruggero Borsa e Boemondo.

Sono venuti per discutere, concordare linee comuni, accordi diplomatici tra Chiesa e Principi. Proprio in quell’anno, si è alla vigilia del Concilio che si terrà a distanza di poche settimane, a settembre, a Melfi. Il periodo normanno fu fiorente e ricco per l’abbazia: divenne un centro molto importante e i principi Normanni la protessero dalle spoliazioni di conti e baroni ostili. Con donazioni ne accrebbero di molto i possedimenti, che si estendevano oltre la regione lucana, fin nella Calabria e nel Salento.

L’evento di Banzi vuole ricordare quegli anni e quella storia che ebbe il Papa della prima crociata, ospite per la consacrazione della nuova chiesa.
La vestizione del Papa, il suo dialogo con Ursone (Abate di S. Maria), il discorso con un esplicito riferimento all’alleanza con i Normanni e ai futuri progetti della prima crociata, la consacrazione della Chiesa e altri elementi di spettacolarizzazione e di teatralizzazione rendono unico questo evento che non vuole limitarsi ad una semplice rievocazione ma affrontare anche alcuni temi dell’oggi.

In questa edizione, abbiamo voluto illustrare l’avvenimento utilizzando la forma di comunicazione più popolare, immediata e facilitata: il fumetto. Adoperando la stessa tecnica dell’Arazzo di Bayeaux – celebre antesignano - narriamo la consacrazione della chiesa da parte di Urbano II.