Sabato 01 Ottobre 2016
...per installare una stazione meteo o una webcam clicca qui
Campaniameteo.it
Basilicatameteo.it
Basilicatameteo.it
Basilicatameteo.it
Basilicatameteo.it
Basilicatameteo.it
.:: Basilicatameteo.it ::.
.:: Basilicatameteo.it - PICERNO (Potenza) E UN TERRITORIO DA SCOPRIRE ::.

PICERNO (Pz - Potenza) e un territorio da scoprire: fotoreportage
(Articolo letto 2426 volte)

 CLICCARE SULLE FOTO PER INGRANDIRLE

Picerno è un comune della provincia di Potenza con 6.186 abitanti (2001), a 670 m. s.l.m.: nel comune si trova  Monte Li Foj (1355 m)

Fondata, secondo un’antica tradizione, sulle rovine dell'antica Acerrona col toponimo di Pizini nell'anno Mille come una piccola fortezza normanna cinta da mura.

Appartenne nel 1331 alla contea di Potenza, venne ceduta a titolo di feudo ai Sanseverino di Tricarico, ai Caracciolo, ai Muscettola e ai Pignatelli di Marsico.

Svolse  un ruolo importante durante i moti per la Repubblica Napoletana del 1799.
Dopo il devastante terremoto del 1857 a Picerno il centro abitato si sviluppò fuori dalle mura.

Nel corso del Novecento ha sviluppato notevolmente le tradizionali attività zootecniche, soprattutto nel settore suinicolo.


Facilmente raggiungibile è il Bosco di Monte li Foi. Qui in un bosco di faggi altissimi, si trovano aree ben attrezzate per il pic nic e la sosta. È questa una zona ricca di pascoli, tradizionalmente sulla rotta della transumanza di bovini di razza podolica: Picerno è nota per la produzione di latticini (oltre che per la presenza di numerosi salumifici).


Seguendo le indicazioni per Pian della Nevena, si raggiunge una zona in cui si verifica un fenomeno interessante: d’inverno si formano due laghetti di acqua piovana che poi in estate si svuotano.

 

Come  arrivare


in auto
da Salerno: A3 SA-RC direzione Reggio Calabria, uscita Sicignano degli Alburni; SS407 Basentana fino allo svincolo per Picerno
da Potenza: SS407 Basentana fino allo svincolo per Tito


in treno:
stazione di Picerno interna al paese (linea Taranto-Roma)

                      testo e foto di Alfredo Valente