Sorrento: "M'illumino d'inverno" dal 19 novembre 2016 a gennaio 2017
Dal 19/11/2016 al 31/01/2017
Sorrento (Napoli)

"M'Illumino d'inverno" accende Sorrento con arte, spettacolo e cultura
 
Giunge alla IX edizione la rassegna “M’Illumino d’Inverno”, che da novembre a gennaio propone appuntamenti con grandi nomi della musica internazionale, spettacoli teatrali e di danza, eventi d’arte, incontri con il cinema, percorsi enogastronomici, momenti di intrattenimento e folklore, iniziative dedicate ai ragazzi e ai bambini. Coinvolgendo le strade del centro cittadino, i borghi, i monumenti e i luoghi simbolo, per allietare residenti ed ospiti.

Promosso dal Comune di Sorrento e dalla Fondazione Sorrento, il cartellone prenderà il via il 19 novembre 2016 con l’accensione delle luminarie, che “vestono” Sorrento a festa per l’arrivo del Natale.  

Particolarmente ricca la programmazione musicale.

La rassegna “Sorrento Incontra” proporrà sei grandi eventi: il 28 dicembre, al teatro Tasso, il concerto di Nino Buonocore. Il 5 gennaio, in piazza Tasso, le note del cantautore Ron, accompagnato per l’occasione da due giovanissimi cantanti: Giovanni Caccamo, vincitore della 65ma edizione del Festival di Sanremo nella sezione “Nuove Proposte”, e Deborah Iurato, in gara proprio con Giovanni Caccamo nell’ultima edizione della kermesse sanremese. Il 14 gennaio, sempre al teatro Tasso, lo spettacolo della cantautrice Chiara Civello, molto apprezzata anche per il suo talento con la chitarra e il pianoforte. Il 20 gennaio, il concerto di Irene Grandi: un viaggio nella sua musica, tra pop, rock, blues e jazz.
Il giorno seguente sarà la volta di Alice, signora della musica italiana, già vincitrice del Festival di Sanremo, nel 1981, con la canzone “Per Elisa”. E la performance, il 28 gennaio, del musicista ed etnomusicologo campano Ambrogio Sparagna. Tutti gli eventi di "Sorrento Incontra" saranno ripresi e raccolti in un documentario di Mvula Sungani dal titolo “Caruso, qui dove il mare luccica”, prodotto per essere trasmesso sulle reti tematiche dei maggiori network televisivi nazionali.

Per la rassegna “Suoni divini”, sono tre gli appuntamenti nella Cattedrale di Sorrento. Il 9 dicembre, “Anime Migranti” di Moni Ovadia e Mario Incudine, riflessione in note e parole sulla migrazione, attraverso gli occhi dei popoli che oggi, come nel passato, sono stati costretti ad abbandonare la propria casa per la speranza di un futuro migliore. Il 10 dicembre concerto dei “The Sun”, rock band italiana, evoluzione artistica dei vicentini “Sun Eats Hours”. Chiusura l’11 dicembre con Fabio Concato, uno dei più apprezzati cantautori italiani, autore di canzoni di successo come “Domenica bestiale”, “Fiore di maggio” e “Speriamo che piova”.

La Chiesa dell’Annunziata ospiterà invece la rassegna Sorrento Jazz, con quattro appuntamenti. Il via il 17 dicembre, con un concerto di musica gospel della cantante Rita Ciccarelli con la Flowin’ Gospel Worship Band. Il giorno successivo, il 18 dicembre, i ritmi del Sud nella voce e negli strumenti di Fiorenza Calogero e Marcello Vitale, che presenteranno il progetto “Neapolis Mediterranea”.
Sorrento Jazz proseguirà nel 2017, nel giorno dell’Epifania, con “Tencolor”, un omaggio a Luigi Tenco del musicista jazz Marco Giuliani, accompagnato dal pianista Bruno Montrone, dal contrabbassista Nico Catacchio, dal batterista Fabio delle Foglie e dal tastierista Vincenzo Gentile. E poi, il 13 gennaio, il concerto-spettacolo “Tutta la verità”.
Spazio anche alla solidarietà, al teatro Tasso, il primo dicembre, con lo spettacolo “Fantasmagoria”: Sabrina Di Monda presenta “L’Amore è un classico in tutto il mondo”, mentre il 18 dicembre, con la collaborazione del Rotary Club Sorrento, la performance del pianista Davide Santacolomba.

Ancora grande musica nella Basilica di Sant’Antonino, il 30 dicembre, con il concerto dal titolo “Quanta suspire” con i Solis String Quartet, la voce di Marina Bruno e la voce recitante di Franco Javarone.
Il 2 gennaio, al teatro Armida, alle ore 19.30, protagonista sarà Peppe Barra con la Cantata dei Pastori.

Completano la sezione musicale di “M’illumino d’inverno” numerosi altri spettacoli concertistici, con musica da camera in diverse location cittadine.
L’accensione del grande albero di Natale in piazza Tasso è prevista sabato 25 novembre. Le atmosfere natalizie, lungo il Corso Italia, faranno da cornice, fino al 27 novembre al lungo week-end di “Shopping sotto l’albero”, che inizierà il venerdì, e che prevede musica e animazione da strada con clown, giocolieri e prestigiatori.

Il programma degli eventi del 31 dicembre parte, al mattino, alle 11.30, al teatro Tasso, con il concerto di fine anno presso la sala consiliare del comune. Il programma di sala prevederà l’esecuzione di valzer, polke e melodie viennesi. Il concerto sarà il preludio alla grande festa in piazza Tasso, che inizierà alle 18, con l’accensione del “ciuccio di fuoco”, con la partecipazione dell’artista Marco Palmieri e l’esibizione musicale itinerante del gruppo folkloristico “Piedigrotta Sorrentina”, e che proseguirà a sera, con dj e vocalist per aspettare l’arrivo del nuovo anno. E dopo il brindisi di mezzanotte, ancora musica e lo spettacolo pirotecnico dei “Fuochi di Notte” a piazza Marinai d’Italia, visibile dalla Villa Comunale, da piazza della Vittoria e lungo la strada che conduce al porto.
“M’Illumino d’Inverno” disegnerà anche numerosi percorsi d’arte.

Al Museo Correale, fino al 6 gennaio, saranno in esposizione porcellane e cassettiere giapponesi: un omaggio al paese del Sol Levante in occasione del 150mo anniversario delle relazioni diplomatiche con l’Italia.
Il chiostro di San Francesco, fino al 10 gennaio, ospiterà l’ottava edizione di “Diversabilarte”, rassegna artistica sul tema della “diversabilità”. Ancora, artigianato tipico ed opere di tarsia lignea in esposizione al Bastione di Parsano, fino al 10 gennaio, e mostra “L’incanto del Mistero. L’arte contemporanea incontra il mistero”, alla Chiesa di S. Paolo, fino all’8 gennaio.

Poi, naturalmente, l’arte presepiale. Con l’esposizione “Maestri in Mostra – Il Presepe Napoletano”, a cura della Fondazione Sorrento, presso Villa Fiorentino, dal 3 dicembre all’8 gennaio. 
Altre rappresentazioni della natività saranno presenti nel Sedil Dominova, nella Chiesa del Carmine, nella Chiesa della Rotonda, nella Chiesa dei Servi di Maria, nella Cattedrale, nella Basilica di Sant’Antonino e nella Chiesa del Rosario.

Nel borgo di Priora, il 26 e il 29 dicembre, e il 2, 3, 5 e 6 gennaio, un presepe vivente, con falò e zeppolate.
Natale è soprattutto la festa dei bambini. E sono tante le iniziative di “M’Illumino d’Inverno” ideate per i più piccoli. Dal 3 dicembre a Villa Fiorentino sarà presente il “Villaggio di Babbo Natale”, e lungo le strade cittadine momenti di animazione e gioco.
Ai bambini sarà dedicata anche “La Betlemme dei piccoli”, una rappresentazione del presepe in località Casarlano, che si svolgerà il 27 e 28 dicembre, e il 5 e 6 gennaio. Bambini e ragazzi saranno inoltre protagonisti, con le loro scuole, di numerosi concerti e spettacoli natalizi.

Spazio, naturalmente, anche all’enogastronomia. Dal 7 al 9 novembre in piazza Lauro, lo Street Food Village, con degustazioni di piatti tipici.  
La mattina della Vigilia di Natale, come da tradizione, la pizzeria “Da Gigino” offrirà birre e pizze fritte napoletane.
Il buon pescato del mare della penisola sorrentina sarà invece protagonista della “Sagra del Pesce”, il 3 dicembre, presso il borgo di Marina Grande.
Degustazioni anche in località Santa Lucia, in occasione della tradizionale festa del 12 e 13 dicembre, con l’accensione del caratteristico “ceppone”.
Non mancheranno gli eventi legati allo sport e alla società, con il torneo di calcio “Stelle di Natale”, a cura dell’Accademia Calcio Sorrento, il terzo Memorial Serbandini, la Caccia al Tesoro, lo stage per portieri di calcio “Christmas Goalkeepers”.

La programmazione di “M’illumino d’inverno” include anche le Giornate Professionali di Cinema, la convention dell’industria cinematografica, promossa da Anec, Anica e Aniem, con numerose proiezioni, la cerimonia di consegna dei “Biglietti d’oro del cinema italiano", condotta da Lorenza Bianchetti, e momenti dedicati alla città. Tra questi, la "Festa dell’Albero", in piazza Tasso, il 28 novembre, con la presenza dei costume characters del film d’animazione “Paw Patrol” e la distribuzione di gadget.

“Con questa edizione 2016 prosegue il nostro impegno che mira da un lato ad offrire ai nostri cittadini una programmazione di appuntamenti ricca e varia, e dall’altro a destagionalizzare il turismo, e favorire le economie del nostro territorio - ha esordito il sindaco Cuomo - Il futuro del nostro territorio è ancora roseo. Il nostro recente soggiorno a Londra ed il confronto con o tour operator internazionali ha confermato l’interesse per Sorrento e i suoi dintorni come destinazione privilegiata in Italia. L’obiettivo è ora quello di continuare a lavorare, coinvolgendo sempre più associazioni di categoria, imprenditori, rappresentanti della cultura e tutta la cittadinanza per ascoltare suggerimenti e proposte”.

Per l’ad Milano, “La Fondazione Sorrento aderisce alle iniziative promosse dall'amministrazione comunale nell'ambito del cartellone di eventi M'illumino d'Inverno con una serie di eventi che saranno ospitati a Villa Fiorentino: la mostra dei presepi, la mostra mercato dei prodotti tipici ed il Villaggio di Natale Manifestazioni che vanno ad integrarsi con quelle previste dal Comune allo scopo di attrarre sempre più visitatori ed allungare in tal modo la stagione turistica. Una sinergia, quella tra Comune e Fondazione Sorrento, che consente di dividerci i compiti per puntare a raggiungere obiettivi sempre più importanti".
“Finanziata con 755mila euro di cui cento concessi dalla Regione Campania, M’Illumino d’inverno presenta per questa nona edizione un cartellone di eventi, tutti ad ingresso libero, ancora più ricco e coinvolgente - ha sottolineato l’assessore Gargiulo - Per i più piccoli avremo quest’anno, in piazza Sant’Antonino, l’unico “villaggio” natalizio italiano popolato da personaggi della Walt Disney. Per i grandi tanti appuntamenti con musica, arte, solidarietà e tradizioni. E poi le luminarie, che grazie alla gara triennale abbiamo sottratto alle lungaggini della burocrazia. Ogni angolo del territorio sarà vestito a festa per il Natale. E’ la nostra risposta alle richieste degli imprenditori di investire sempre più in eventi, in grado di destagionalizzare e riverberare sull’economia cittadina i benefici di una programmazione di questo livello”.

Un obiettivo condiviso dal vice presidente Savarese, che ha rimarcato l’importanza di una “manifestazione come M’Illumino d’Inverno, di grande promozione turistica, che ripaga in termini turistici lo sforzo economico profuso”.

“Territorio, musica, danza ed immagini, la multidisciplinarietà è la linea artistica su cui si basa il mio progetto che ha visto da subito il sostegno e la fiducia da parte dell’amministrazione comunale di Sorrento, del sindaco Cuomo e dell’assessore Gargiulo - ha spiegato il maestro Sungani - La manifestazione, in questa edizione celebra i 30 anni dall’incisione di Caruso, capolavoro assoluto di Lucio Dalla, in omaggio al grande tenore ed alla città. Il programma è iniziato in estate al chiostro di San Francesco con l’anteprima di “Caruso” opera coreografica interpretata dall'etoile Emanuela Bianchini e dai solisti della mia compagnia. Il balletto, volano promozionale di Sorrento nel mondo è stato rappresentato il 26 settembre al “Graduate Center” di New York e il prossimo 15 novembre sarà al teatro dell’Opera di Tirana. Con i concerti che si terranno dal 28 dicembre al 28 gennaio prossimi si concluderà questa nostra celebrazione che riprenderemo integralmente per farne uno speciale televisivo “Caruso, qui dove il mare luccica”.

Ad illustrare la genesi della rassegna M’Illumino d’Inverno, il dirigente Giammarino. “Un evento per definirsi funzionale deve essere radicato alle specificità culturali di un luogo - ha evidenziato - Oltre a parafrasare il capolavoro di Ungaretti “Mattina” è la sintesi di due elementi peculiari: la Luce e gli Incontri. Sono venuti in cerca della luce nelle nostre terre pittori, fotografi, cineasti e autori, come ad esempio Ibsen, le cui opere sono permeate dalla ricerca della luce. L’archè dell’incontro è, invece, Ulisse che incontra le Sirene, che, secondo la mitologia, diventarono le Isole dei Galli e poi il susseguirsi di culture greco –romane, angioino aragonese, spagnole francesi. M’Illumino d’inverno affonda le sue radici in questi peculiari momenti storici e diviene un Teatro Aperto dove tra luci sfavillanti si incontrano i protagonisti di tante espressioni culturali, dal cinema alla musica, ai guitti di strada”.

Informazioni dettagliate, aggiornamenti ed integrazioni sui vari eventi, che sono tutti ad ingresso gratuito, saranno a breve disponibili sul sito www.milluminodinverno.it