Link utili

 

 

ELABORAZIONE GRAFICA
PRESSIONE ATMOSFERICA

 

 

Premesse

Pressione atmosferica
Evangelista Torricelli, fisico e matematico italiano, realizzò nel 1644 il primo barometro a mercurio, arrivando con metodo sperimentale alla definizione dell’unità di pressione atmosferica. Prendendo un’asta cava graduata di nota lunghezza contenente mercurio per tutta la sua lunghezza, e capovolgendola in una bacinella vuota, egli notò che, in condizioni sperimentali e all’equilibrio, il mercurio, non defluiva completamente nella bacinella vuota ma raggiungeva una determinata altezza all’interno dell’asta graduata, ed in corrispondenza di tale scala si poteva leggere il valore della pressione atmosferica. Da questa esperienza successivamente fu possibile ricavare il valore della pressione atmosferica in condizioni normali o standard e definire anche i concetti di “alta pressione” e di “bassa pressione”.
La pressione atmosferica è la pressione su una superficie di 1 cm2 esercitata da una colonna d’aria di altezza pari all’atmosfera terrestre. La pressione atmosferica misurata al livello del mare, alla latitudine di 45° e ad una temperatura di 0° C, è pari alla pressione esercitata da una colonna di mercurio (Hg) alta 760 mm di pari sezione. In queste condizioni la pressione atmosferica equivale ad una atmosfera (1 atm = 760 mm Hg = 760 Torr = 101325 Pa (N/m2) = 1013,25 hPa = 1013,25 mbar). Il pascal è l’unità di misura internazionale della pressione. La pressione atmosferica può essere misurata attraverso i barometri. La pressione atmosferica può essere rappresentata in una mappa geografica ricorrendo alle isobare. Le isobare sono linee concentriche che comprendono le zone caratterizzate da una stessa pressione atmosferica.

La pressione atmosferica può variare.
Poiché l’atmosfera è un fluido in continuo movimento solo perché partecipa per trascinamento al moto di rotazione terrestre, in tutti i suoi punti, anche la pressione atmosferica è soggetta a delle variazioni. Ogni variazione della pressione atmosferica, è l’effetto misurabile di una variazione della massa totale dell’aria contenuta nella colonna atmosferica di sezione unitaria, sovrastante quel punto; ovvero la pressione è concepita come forza applicata su una superficie.
Possiamo così riassumere le variazioni della pressione:
 

VARIAZIONI INDIVIDUALI

VARIAZIONI LOCALI O DI CAMPO

STAGIONALI:

sono legate alle stagioni; il riscaldamento ed il raffreddamento differenziati di alcune zone della terra in ragione dei periodi dell’anno producono delle strutture bariche permanenti o semipermanenti che caratterizzano lo stato del tempo in determinate regioni della Terra

(Es: Anticiclone delle Azzorre, Depressione sull’Islanda, Alta polare artica ed antartica, Anticiclone e depressione monsonica asiatica)

sono quelle variazioni prodotte dai moti atmosferici a tutte le scale e sono essenzialmente responsabili del cambiamento repentino delle condizioni del tempo in una determinata zona del nostro pianeta.

Possono essere variazioni orizzontali o verticali cioè legate al gradiente orizzontale o topografico della pressione oppure ai moti verticali della massa d’aria

GIORNALIERE:

la pressione ha un andamento altalenante con due massimi e due minimi giornalieri corrispondenti rispettivamente ai minimi ed a i massimi valori di temperatura

AVVETTIVE

sono operate dal moto orizzontale di uno o più strati della colonna d’aria preesistente (in deflusso) con aria (in afflusso) più calda o più fredda

GEOGRAFICHE e/o ALTIMETRICHE:

sono dovute essenzialmente alla posizione geografica o all’altimetria del luogo

Per CONVERGENZA o DIVERGENZA

cioè per incremento e/o depauperamento di massa d’aria per effetto di afflusso o deflusso orizzontale differenziato

GRAVIMETRICHE:

per il diverso valore della accelerazione di gravità in base alla diversa latitudine

Dovute a MOTI VERTICALI

sono variazioni che causano in seno ad una sezione della colonna atmosferica un aumento o una diminuzione della densità

TERMOMETRICHE

legate cioè alle variazioni di temperatura

 

 

Pressione e altitudine
La pressione atmosferica varia in rapporto all’altitudine. La pressione atmosferica si riduce con l’aumentare dell’altitudine poiché si riduce l’altezza della colonna d’aria sovrastante alla superficie della terra e si riduce la densità dell’aria.

Pressione e temperatura
La pressione atmosferica varia in rapporto alla temperatura. La pressione atmosferica si riduce con l’aumentare della temperatura poiché l’aria calda tende a dilatarsi diventando meno densa e più leggera. Il minore peso della massa d’aria calda riduce la pressione della colonna d’aria e la pressione atmosferica. Al contrario, quando l’aria si raffredda aumenta la propria densità, il maggiore peso della massa d’aria aumenta la pressione atmosferica.

Pressione e umidità
La pressione atmosferica varia in rapporto all’umidità. La pressione atmosferica diminuisce con l’aumentare dell’umidità poiché il vapore acqueo ha una densità minore dell’ossigeno e dell’azoto. L’aria umida è più leggera. Al contrario, l’aria secca è più pesante ed aumenta la pressione atmosferica.
 

Quota
(metri)

Temperatura
(°C)

Pressione
(hPa)

Δ per 1000 metri
(hPa)

Densità
(Kg/m3)

0

15.0

1013.2

114.5

1.225

1000

8.5

898.7

103.8

1.112

2000

2.0

794.9

93.8

1.006

3000

-4.5

701.1

84.7

0.909

4000

-11.0

616.4

76.2

0.819

5000

-17.5

540.2

68.4

0.736

6000

-24.0

471.8

61.2

0.660

7000

-30.5

410.6

54.6

0.589

8000

-37.0

356.0

48.6

0.525

9000

-43.5

307.4

43.1

0.466

10000

-50.0

264.3

38.0

0.413

11000

-56.5

229.3

33.0

0.364

12000

-56.5

193.3

 

0.311

 

Pressione
(hPa)

Altitudine
(metri)

Altitudine
(piedi)

Temperatura Standard
(°C)

1000

111

364

14.3

850

1457

4781

5.5

700

3012

9882

-4.6

500

5574

18289

-21.2

400

7185

23574

-31.7

300

9164

30065

-44.6

200

11784

38662

-56.5

100

16180

53083

-56.5

50

20576

67507

-55.9

30

23849

78244

-52.7

20

26481

86881

-50.0

10

31055

101885

-45.4

 

L’entità della variazione di pressione in funzione della quota per hPa sino alla quota di 500-700 m sul livello del mare è di 1 hPa ogni 8,5 metri; poi la variazione di pressione per hPa aumenta al crescere dell’altezza sul mare. Secondo l’Organizzazione Meteorologica Mondiale, alle quote standard si ha la seguente relazione pressione-altezza:

 

Quota (m)

Pressione atmosferica (hPa)

1500

850

3000

700

5500

500

7000

400

9000

300

 

Definito il valore normale della pressione atmosferica in aria tipo o standard possiamo affermare allora che nelle zone del nostro pianeta in cui esiste una pressione di valore superiore a quello normale siamo in un’area di ALTA PRESSIONE mentre dove la pressione ha un valore minore, siamo in aree di BASSA PRESSIONE. Immaginiamo pertanto di poter conoscere ad un dato istante i valori di pressione di tutte le città europee o in determinati punti della superficie terrestre, corrispondenti a stazioni di osservazione e di riportare tali valori su una carta geografica adeguata. Pensiamo inoltre di poter unire tutti i punti che hanno lo stesso valore di pressione con un tratto continuo non con una spezzata ma con un tratto curvilineo. Le isolinee così costruite sono dette ISOBARE o linee che uniscono punti di uguale pressione al suolo. Guardando una mappa meteorologica di quelle disseminate dal Servizio Meteorologico, costruita sovrapponendo ad un noto grigliato geografico in una determinata proiezione (solitamente stereografica polare tagliata al 60° Nord) i campi di pressione al suolo o in quota, confrontando i valori presenti con il valore normale, possiamo identificare con chiarezza le aree di alta pressione e quelle di bassa pressione. Le zone di alta pressione e quelle di bassa pressione sono i veri centri di azione del tempo meteorologico e la loro formazione ed evoluzione nel tempo determina proprio l’alternanza di tempo bello e soleggiato con tempo perturbato su una determinata zona del nostro pianeta. In meteorologia, si usano le seguenti definizioni:

 

• ALTA PRESSIONE: ANTICICLONE o MASSIMO di PRESSIONE; è un’area chiusa di pressioni dal valore crescente dalla periferia verso il centro con il massimo al centro.
• BASSA PRESSIONE: DEPRESSIONE o MINIMO DEPRESSIONARIO; è un’area chiusa di pressioni dal valore decrescente dalla periferia verso il centro con il valore più basso al centro.
• PROMONTORIO: lingua di alta pressione che si protende da un anticiclone con valori di pressione decrescenti.
• SACCATURA: lingua di bassa pressione che si protende da una depressione con valori di pressione crescenti.
• SELLA BARICA: zona compresa tra due minimi depressionari e due anticicloni opposti; in essa la pressione è costante o quasi costante.
• PENDIO: area compresa tra una depressione o saccatura e un anticiclone o promontorio contigui o comunque tra due zone dove esiste una differenza orizzontale di pressione.
• AREA DI PRESSIONI LIVELLATE: zona in cui la pressione per grandi estensioni di spazio non presenta sostanziali variazioni.

 

I seguenti grafici mostrano l’andamento della pressione atmosferica media mensile e media minima assoluta, media massima assoluta e media annuale dal 2005 al mese intero precedente quello attuale.

 

I seguenti grafici (divisi per quinquenni) mostrano l’andamento della pressione atmosferica assoluta (massima, minima e media) rilevata mese per mese dal 2005 al mese intero precedente quello attuale.

 

 

Per un maggiore grado di dettaglio, sull'andamento della pressione atmosferica mensile dal 2005 al mese precedente a quello attuale, si prega di consultare i seguenti grafici:

Gennaio

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

Febbraio

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

Marzo

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

Aprile

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

Maggio

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

Giugno

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

Luglio

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

Agosto

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

Settembre

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

Ottobre

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

Novembre

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

Dicembre

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

 

Torna su