Link utili

 

 

ELABORAZIONE GRAFICA
DIREZIONE DEL VENTO

 

 

Premesse

La rosa dei venti classifica i venti a seconda della loro provenienza. I nomi degli otto venti principali in Italia derivano dalle antiche denominazioni che si riferivano al Mar Jonio come centro del Mediterraneo. Da questa collocazione ideale della “Rosa dei venti”, discendono i nomi comunemente attribuiti. La rosa è infatti “centrata” sull’isola di Zante (a Sud-Est dell’Italia, vicino alle coste Greche). Rispetto a tale posizione, a Nord-Est c’è la Grecia (da cui proviene appunto il vento Grecale), a Sud-Est la Siria (Scirocco), a Sud-Ovest la Libia (Libeccio) e a Nord-Ovest Roma (Maestrale). Ovviamente ad altre latitudini, pur mantenendo, rispetto alla direzione di provenienza, lo stesso nome, tale descrizione perde di significato in quanto i luoghi di origine hanno altra allocazione.

La rosa dei venti più semplice è quella a 4 punte formata dai soli quattro punti cardinali:

Nord anche detto settentrione, mezzanotte, borea o tramontana

Sud anche detto meridione, mezzogiorno oppure ostro

Est anche detto oriente o levante

Ovest anche detto occidente o ponente.

Tra i quattro punti cardinali principali si possono fissare 4 punti intermedi:

Nord-Ovest anche detto maestrale

Nord-Est anche detto grecale

Sud-Est anche detto scirocco

Sud-Ovest anche detto libeccio.

Questi quattro uniti ai quattro punti cardinali formano la rosa dei venti a 8 punte. Tra gli otto punti sopra elencati è possibile indicarne altri otto ottenendo così una rosa dei venti a 16 punte. I nuovi otto punti sono in senso orario: Nord-Nord-Est, Est-Nord-Est, Est-Sud-Est, Sud-Sud-Est, Sud-Sud-Ovest, Ovest-Sud-Ovest, Ovest-Nord-Ovest e Nord-Nord-Ovest. Volendo è possibile continuare le suddivisioni raddoppiando di volta in volta i punti intermedi. Ai vari punti cardinali ed ai punti intermedi a questi sono associati anche altri nomi che identificano i venti provenienti da quelle direzioni. Infatti sono anche nomi di venti: tramontana, bora (vento gelido che soffia da est-nord-est), ostro (vento caldo che soffia da sud), levante e ponente. È questa doppia corrispondenza tra punti cardinali e nomi di venti che genera il nome rosa dei venti.

Lo rosa dei venti è di solito presente come immagine di sfondo in ogni bussola.

La Tramontana è un vento freddo proveniente da nord, frequente in Liguria, soprattutto in inverno, dove spira con particolare violenza, in particolare allo sbocco delle valli, causando repentini e considerevoli cali di temperatura. Può verificarsi a cielo sereno, oppure con cielo nuvoloso e precipitazioni quando è associata ad un sistema perturbato. Quest’ultimo caso è, appunto, quello detto di “tramontana scura” che, nella Riviera ligure, spinge giù dall’arco appenninico e alpino le perturbazioni provenienti da settentrione. Per questa ragione un proverbio ligure sentenzia: “tramontana scura, pioggia sicura”.

La Bora/Grecale è un vento catabatico (cioè un vento locale provocato dalla discesa di masse d’aria fredda) nord/nord-orientale, che soffia nel Mar Adriatico, in Grecia e in Turchia. Il nome deriva dal fatto che è un vento settentrionale, “boreale”, a cui si rifà anche la figura mitologica greca chiamata Borea. La Bora è famosa soprattutto a Trieste, dove soffia specialmente in inverno ed è definita “Bora chiara” in presenza di bel tempo o “Bora scura” in condizioni di tempo perturbato. E’ detta “porta della bora” quell’interruzione della catena alpina (nelle alpi Giulie) tra il monte Re e il monte Nevoso. E’ qui che si incanala l’aria che letteralmente casca sull’Adriatico, investendo principalmente Trieste e attenuandosi a Nord e a Sud, a Monfalcone e nella parte settentrionale dell’Istria. La bora prosegue il suo cammino lungo la direzione acquisita, giungendo a volte fino a Venezia, a Chioggia in particolare, causando un vivace moto ondoso. Questo tipo di vento può raggiungere velocità di 150 kilometri all’ora. A causa della frequenza dei giorni ventosi, gli edifici devono essere costruiti con opportuni criteri per sopportarne la forza ed evitare l’eventuale caduta di tegole.

Il Levante è un vento generalmente debole che spira da Est verso Ovest nel Mediterraneo occidentale. Il vento si origina nel centro del Mediterraneo al largo delle Isole Baleari e soffia verso Est per raggiungere la sua massima intensità attraverso lo Stretto di Gibilterra. La sua influenza è sentita fino in Italia sul Tirreno e sulla parte centro-meridionale dell’Adriatico. È un vento fresco e umido, portatore di nebbia e precipitazioni, riconosciuto come causa di particolari formazioni nuvolose sopra la Baia e la Rocca di Gibilterra, dove può provocare mare agitato e trombe marine. Il vento può manifestarsi in qualunque periodo dell’anno, ma ricorre comunemente fra luglio e ottobre. D’inverno, il Levante è spesso accompagnato da piogge forti. Il nome del vento deriva da levante inteso come Est, il punto cardinale da cui ha origine. Lo Scirocco è un vento caldo proveniente da Sud-Est che proviene dal Sahara e da altre regioni del nord Africa. Nasce da masse d’aria tropicali calde e secche trascinate verso nord da aree di bassa pressione in movimento verso est sopra il Mediterraneo. L’aria calda e secca si mischia con quella umida del movimento ciclonico presente sul mare ed il movimento in senso orario spinge questa massa d’aria sulle coste delle regioni del sud Europa. Lo scirocco secca l’aria ed alza la polvere sulle coste del Nord Africa, tempeste sul mediterraneo e tempo freddo ed umido sull’Europa. Il vento soffia per un tempo variabile da mezza giornata a molti giorni. Molte persone attribuiscono a questo vento effetti negativi sulla salute per via del caldo e della polvere portata dalle coste dell’Africa e della discesa della temperatura in Europa. La polvere può causare danni ai dispositivi meccanici e penetrare negli edifici. Questi venti soffiano più di frequente, con velocità fino a 100 Km/h, in primavera ed autunno raggiungendo un massimo nei mesi di marzo e novembre. Lo stesso vento assume il nome di jugo in Croazia e ghibli in Libia. Lo scirocco che giunge sulle coste francesi contiene più umidità ed assume il nome di marin.

Ostro o mezzogiorno (dal latino Auster, vento australe) è il nome tradizionale di un vento che spira da Sud nel Mar Mediterraneo; è anche detto vento di Mezzogiorno. L’ostro è un vento caldo e umido portatore di piogge. I suoi effetti sul clima italiano sono piuttosto deboli e poco sensibili. L’Ostro è a volte identificato col Libeccio o lo Scirocco ai quali è simile.

Libeccio (spira da Sud Ovest), anche detto Africo o Garbino. Vi sono più ipotesi sul nome: la più diffusa, è che derivi dal fatto che nell’isola di Creta, presa come punto di riferimento per la denominazione dei venti, il Libeccio spira dalla Libia (antico nome del continente africano). L’altra, accreditata presso i linguisti, è che derivi dall’arabo lebeg. Il nome Garbino è utilizzato nell’area orientale dell’Emilia Romagna e nel nord delle Marche. In Friuli, nella Venezia Giulia e in Dalmazia è chiamato Garbin. Durante la stagione estiva, il vento di libeccio soffia generalmente come brezza di mare lungo le coste occidentali della penisola italiana e come brezza di terra lungo quelle orientali, in condizioni di stabilità atmosferica. Vento di caratteristiche particolari perché, pur essendo un vento di mare, ha poche caratteristiche di tali venti. Generalmente nasce molto velocemente, sviluppandosi fino a raggiungere una potenza eccezionale, per poi calmarsi con la stessa rapidità con cui è nato. E’ il vento che segue le perturbazioni per cui cessato il suo effetto, di solito si ha un innalzamento della pressione con conseguente arrivo di tempo buono e cielo sereno.

Il Ponente, anche detto Zefiro o Espero è un vento del Mar Mediterraneo che spira da Ovest. È il vento caratteristico delle perturbazioni atlantiche che attraversano il mediterraneo da ovest verso est. I suoi effetti sono sentiti soprattutto sul Mar Tirreno e sul Mare Adriatico centro-meridionale. Il Ponente è un vento fresco tipico dei pomeriggi estivi; così come il Libeccio può essere portatore di maltempo.

Il Maestrale è un vento forte e freddo proveniente da Nord-Ovest, tipico della stagione invernale, che soffia con particolare frequenza soprattutto in Sardegna e nella Valle del Rodano, in Francia. Vento di caratteristiche simili alla tramontana, solo di forza più elevata, da cui il nome “maestro dei venti”. Porta tempo freddo, asciutto e sereno. Interessa, durante i mesi invernali, principalmente l'alto Tirreno ed il mar Ligure, giungendovi dalle vallate del Rodano e dal golfo del Leone.

 

 

I seguenti grafici - sia in forma di istogramma sia di grafico a torta - mostrano, mese per mese, l’andamento della direzione, della velocità massima e media del vento registratesi dal 2005 al mese intero precedente quello attuale.

 

Per un maggiore grado di dettaglio sulla direzione/velocità del vento, si prega di consultare i seguenti grafici:

Gennaio totale


2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

Febbraio totale


2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

Marzo totale


2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

Aprile totale


2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

Maggio totale


2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

Giugno totale


2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

Luglio totale


2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

Agosto totale


2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

Settembre totale


2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

Ottobre totale


2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

Novembre totale


2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

Dicembre totale


2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

Torna su