Martedý 27 Settembre 2016
Campaniameteo - Versione dispositivi mobili
Campaniameteo.it
Campaniameteo.it
Campaniameteo.it
Campaniameteo.it
Campaniameteo.it
Campaniameteo.it
.:: Campaniameteo.it ::.
  CONTURSI TERME (SA): STAZIONE METEO E WEBCAM AD ALTA DEFINIZIONE    SALERNO, WEBCAM PER LE LUCI D'ARTISTA 2014    RAITO DI VIETRI SUL MARE (SA): NUOVA WEBCAM ALTA DEFINIZIONE    MARINA DI CAMEROTA, NUOVA WEBCAM SUL PORTO    SALERNO, NUOVA WEBCAM OFFERTA DA 'CASE VACANZE IL DUOMO'    ON LINE LA VERSIONE "MOBILE" DEL PORTALE CAMPANIAMETEO.IT PER SMARTPHONE    ON LINE LA WEBCAM SUL MONTE TERMINIO    VIETRI SUL MARE (Sa): WEBCAM AD ALTA DEFINIZIONE DALL'HOTEL VIETRI    SALERNO: NUOVAMENTE ON LINE LA WEBCAM VERSO LA COSTIERA AMALFITANA    MARINA DI EBOLI - CAMPOLONGO (Salerno): NUOVAMENTE ON LINE LA STAZIONE METEO, AFFIANCATA DALLA WEBCAM DAL GALATEA VILLAGE    NAPOLI, FUORIGROTTA: WEBCAM E METEO ALL'ISTITUTO "RIGHI"    MONTE FAITO (1100M): NUOVA STAZIONE DI RILEVAMENTO METEO    PROCIDA (NA): WEBCAM E STAZIONE METEO - BLUE DREAM SAILING CHARTER    Chitignano (Arezzo): webcam ad alta definizione    RECORD ASSOLUTO DI VISITATORI - IL 17 DICEMBRE 2010 IN 24 ORE IL NOSTRO SITO E' STATO VISITATO DA 21.892 UTENTI UNICI E HA AVUTO 1.564.658 DI ACCESSI.    SALERNO, WEBCAM PER LE "LUCI D'ARTISTA"     SALERNO, WEBCAM E METEO CON UV E RAD.SOLARE ALL'ISTITUTO NAUTICO    DUE NUOVE WEBCAM SUL LACENO - QUOTA 1400 METRI    VIETRI SUL MARE (SA) - E' ATTIVA UNA WEBCAM AD ALTISSIMA DEFINIZIONE    RAVELLO (SA) - E' ATTIVA LA WEBCAM DI VILLA RUFOLO - IN TEMPO REALE IMMAGINI AD ALTISSIMA DEFINIZIONE E DATI METEO    POPPI (Arezzo) - E' ON LINE LA PRIMA WEBCAM AD ALTA RISOLUZIONE    CAPRI, UNA WEBCAM AD ALTA RISOLUZIONE DALL'ISOLA DEL GOLFO DI NAPOLI    ISCHIA-CASAMICCIOLA: NUOVA STAZIONE METEO ON LINE    STAZIONE METEO E WEBCAM SUL MONTE RAIAMAGRA - LACENO QUOTA 1667 METRI. LA CENTRALINA ON LINE PIU' ALTA DELLA CAMPANIA    MARINA DI EBOLI-CAMPOLONGO: WEBCAM E METEO DAL GALATEA VILLAGE E SCUOLA WINDSURF    NUOVA WEBCAM AD ASCEA-VELIA PRESSO "MARE E MONTI"    NUOVA STAZIONE METEO DAVIS A SORRENTO - FRAZIONE PRIORA    DUE STAZIONI METEO DAVIS SULL'ISOLA DI PROCIDA.    NUOVA CENTRALINA METEO CON WEBCAM A AVELLINO    ATTENZIONE: ultimamente loschi individui contattano alcuni utenti di Campaniameteo divulgando notizie false sulla gestione del sito CLICCA QUI PER MAGGIORI INFO.    ATTIVA A META DI SORRENTO NUOVA STAZIONE METEO      
.:: Campaniameteo.it - SALERNO: "SEGNI DI LUCI SU CARTA" (20 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2012) ::.

SALERNO: "SEGNI DI LUCI SU CARTA" (20 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2012)
(Articolo letto 2418 volte)
Campaniameteo.it -

Il Catalogo

Presenta

Nello Ferrigno
Segni di luci su carta
20 gennaio – 5 febbraio 2012
Inaugurazione: venerdì 20 gennaio ore 18,30
Apertura: tutti i giorni, escluso il lunedì: ore 10 -13  17,30-20
Info.: 089/232666

 
Nello Ferrigno, la luce, il mito, il colore

La galleria Il Catalogo di Lelio Schiavone e Antonio Adiletta, ospiterà da venerdì 20 gennaio 2012 18 bozzetti e alcuni pezzi ceramici dell’artista salernitano.

La Galleria Il Catalogo di Lelio Schiavone e Antonio Adiletta, apre il nuovo anno ospitando il tema del mito, del mediterraneo, attraverso 18 bozzetti e sei ceramiche del maestro salernitano Nello Ferrigno, ideati per la realizzazione dei 25 pannelli nell’ambito delle Luci d’Artista, attrattiva di successo di via Diaz, via Manzo e via G.V.Quaranta. La mostra, che verrà inaugurata dal sindaco Vincenzo De Luca, venerdì 20 gennaio alle ore 18,30 e sarà fruibile sino a domenica 5 febbraio 2012, rinnova il dialogo della galleria con la Salerno della luce, del turismo, della massa, della festa, attraverso opere che guardano al mito e al mare nostrum, al Mediterraneo, un termine questo che possiede la stessa radice del termine “mediazione”.

Nella cultura contemporanea il termine “medium” significa “mezzo” in quanto strumento, interfaccia. La mediterraneità non è solo la condizione del comunicare in senso geografico ma anche e soprattutto del trasmettere; mediterraneità è medium, è opportunità di confrontarsi. Mediterraneità è una condizione che si sviluppa sia all’interno di uno spazio fisico ben definito, sia in altri luoghi più immateriali come quelli della mente, il cui contorno è confine fra un “dentro” e un “fuori”. Il dentro è il luogo della mediazione, il luogo dell’intelligenza, dell’invenzione e dello scambio mentre l’esterno è il thesaurum, cioè la riserva delle diversità.

Il Mediterraneo è legato ai miti del divenire e del trascorrere. I suoi eroi sono per lo più personaggi maschili, come Omero e Ulisse. La sua mitologia è spesso mitologia della contrapposizione e del dominio, la sua costante è l’alternanza, l’instabilità, il dualismo, il suo essere è anfotero come l’apollineo e il dionisiaco, come la notte e il giorno, come la luce e l’ombra. Ecco le amazzoni guerriere, i cavalli, le sirene, i tritoni, di Nello Ferrigno, realizzati tra estenuazione parossistica delle forme gravitazionali e un sublime aereo e irraggiungibile. Il mito della mediterraneità è anche il mito della perdita di un passato “mitico”, perciò si alimenta della memoria e fa della rimembranza il suo strumento esecutivo. L’epos è ispirato dal tempo e il mito è il suo quaderno di appunti e di annotazioni. La memoria è una catena di equazioni in immagini che legano, a coppie, l’ignoto col noto: il noto è la leggenda posta alla base della tradizione, mentre l’ignoto che si presenta ogni volta come nuovo è il momento attuale della cultura. Il Mediterraneo diventa qui l'infanzia e la giovinezza dell'umanità, “theatrum mundi”.

Nelle opere di Ferrigno traspare una sottile vena di ironia: è in tale ironico distacco che possiamo ritrovare il segno della modernità e da dove possiamo cogliere quell’idea di classicismo come un ripristinare il tempo nella sua normale corsa e non più disperata che viviamo piuttosto in questo nostro tempo. Fantasia creativa e innovativa nel confronto costante con la classicità. Questa è una delle possibili chiavi di lettura delle eleganti opere che saranno esposte al Catalogo, tra cui tempere e acquerelli per i bozzetti e quattro cavalli, una sirena e due piatti dedicati al mito del cavaliere, dell’uomo che prende forza dall’animale che egli domina, che lo conduce e anche lo disarciona.

Nello Ferrigno è nato a Salerno. Le sue prime esperienze artistiche, agli inizi degli anni Settanta, guardano alla Pop Art ed all’Arte Concettuale. In quel periodo partecipa a rassegne d’arte contemporanea; “Autodocumentazione” tenutasi a Salerno e a “Napoli.

Situazione ’75” (curata da Enrico Crispolti) e alla Quadriennale di Roma del 1975 allestita a Palazzo delle Esposizioni: sono anni nei quali sperimenta vari approcci; dalla serigrafia in chiave pop-artistica all’oggetto “poverista” fino alla pittura iperrealista. Negli stessi anni emerge anche la passione per la ceramica che lo vede tra i fondatori del “Gruppo Vietri” il cui tentativo era quello di ridisegnare il modello ceramico vietrese. Terminata l’esperienza del “gruppo” continua la sua personale ricerca. Insegna nella scuola di Stato e tiene corsi di ceramica presso il proprio studio. Ha esposto in Italia ed all’estero e sue opere sono presenti in importanti collezioni pubbliche e private.
Tra le più significative recenti esposizioni si segnalano: “L’equilibrio del graffio”, Palazzo Genovese, Salerno 2000; “Donne Madonne e Sirene” Museo di Villa Pignatelli, Napoli 2001;  “Terre mediterranee” Museo d’Arte Moderna di Belgrado 2002; “Keramica” Villa Rufolo, Ravello 2002;  “Terre mediterranee” Villa Erba,  Como 2002; “Galerie Keramos” Parigi 2004;  “Viva Italia show” Londra 2005; “Le terre del sole” Museo Nazionale di Palazzo Venezia, Roma 2006;  “La fontana degli elementi” Museo Arte Ambientale, Giffoni Sei Casali 2007; “Omeoceramica” Maschio Angioino, Napoli 2008; “ Immaginario Salernitano” Tempio di Pomona, Salerno 2009; “Luci d’artista “ 25 pannelli luminosi per l’opera “ Il Mito”, Salerno 2011.